L’otto marzo e la ragazzina senza paura

Mani sui fianchi, sguardo deciso e fermo, la “fearless girl” ovvero la ragazza senza paura venne installata di fronte al famoso toro di Arturo Di Modica (recentemente scomparso) nella notte tra il 7 e l’8 marzo 2017. Soggetto della statua, luogo e data non furono di certo casuali: la scultura opera dell’artista Kirsten Visbal aveva il compito di sensibilizzare le aziende sul ruolo delle donne nel mondo della finanza prevalentemente dominato dal genere maschile e incoraggiare un numero maggiore di presenze femminili nei ruoli chiave delle aziende. Intervistata a riguardo la scultrice disse: “la ragazzina rappresenta il futuro.  Il toro rappresenta la comunità finanziaria. Stiamo affermando che le donne fanno parte della comunità imprenditoriale su scala globale e che le bambine saranno leader”. Non tutti presero bene questa iniziativa: il primo detrattore della Fearless Girl fu Arturo di Modica, lo scultore del toro, che all’apparire della statua ne richiese subito la rimozione, ritenendo che il suo lavoro (il Charging Bull) fosse stato impropriamente sfruttato per finalità commerciali e che l’integrità artistica della sua opera fosse stata compromessa. Questo perché il toro, realizzato come simbolo positivo di forza e potenza, contrapposto alla statua della bambina diventava un elemento negativo al quale opporsi. Da parte sua, la società finanziaria che aveva commissionato l’opera rispondeva che la Fearless Girl non stava sfidando il toro, ma che si trovasse lì per rappresentare il potere delle donne. Altri artisti si mostrarono d’accordo con Di Modica, compreso Alex Gardega, che per un breve periodo nel 2017 posizionò accanto alla bambina la statua di un cagnolino che urinava su di lei. In tanti, poi, fecero notare come in realtà si trattasse solo di un’iniziativa pubblicitaria, e rilevarono che incarnare le ambizioni delle donne nella figura di una bambina sminuisse in realtà lo stesso genere femminile. Le varie polemiche polemiche e denunce portarono alla fine a spostare la statua della ragazzina a Wall Street proprio di fronte alla borsa ed ora è lì a sfidare il mondo della finanza. Oggi, al posto della statua di fronte al toro si trova una targa rotonda, che mostra le impronte della bambina e recita: “Fearless Girl si è spostata al New York Stock Exchange. Finché lei si trova lì, prendi il suo posto”. Un invito alle donne che visitano New York a poggiare i piedi sulle sue impronte per sfidare qualunque minaccia. BUON OTTO MARZO A TUTTE LE DONNE.

Se non l’hai ancora fatto iscriviti alla mia newsletter mensile

    Cliccando su INVIA accetti al trattamento dei dati in base alla normativa sulla Privacy (dlg.196/2003 e Regolamento Europeo GDPR UE 2016/679). I dati comunicati saranno utilizzati per il servizio richiesto.